Cenni storici - Associazione Alpini Monte Ortigara

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cenni storici

L'Altopiano

L'uomo sull'Altopiano: le selci, risalenti all'età paleolitica ed i graffiti della Valdassa per la storia più recente, (neolitico-età moderna), sono le "fonti mute" che parlano di una preistorica presenza umana sull'Altopiano, di una presenza comunque temporanea si tratta di un afflusso probabilmente stagionale, dovuto alla caccia e al prelievo della selce, abbondante sull'Altopiano, buona per ottenere raschiatoi, lame e grattatoi. La scoperta del villaggio del Bostel di Rotzo (1781, Dal Pozzo) portò alla luce le tracce di un popolo stabilitosi, forse per primo, su questi monti: casette interrate ed avanzi di stoviglie, manufatti di ferro e di bronzo, monete d'argento (di conio romano), ossa di animali, ecc.. Altri segni di insediamenti pre-cristiani sono stati trovati a Lusiana e ad Enego, con richiami frequenti alla civiltà romana. La parlata cimbra è attualmente il documento più evocativo delle origini della gente altopianese. Questa "lingua" è simile al tedesco. L'Altopiano, territorio un tempo pressochè impraticabile e selvaggio, è stato certamente luogo di ripiego e di rifugio per frange di tribù e di popoli che negli inquieti secoli post-romani varcarono le Alpi. Immigrazioni tuttavia germaniche e, tra le ultime (subito dopo il Mille) famiglie di coloni bavaresi alla ricerca di terre da disboscare, bonificare e da coltivare. Quassù, al sicuro, hanno riordinato la loro vita e mantenuto nel tempo la lingua e i costumi originari. La parlata cimbra è dunque riferibile ad un dialetto antico alto tedesco parlato nella regione bavarese durante l'alto medioevo e rimasto pressochè inalterato nel tempo nei nostri comuni.


I primi centri a formarsi furono Rotzo ad ovest ed Enego ad est, in corrispondenza cioè dell'avanzare della colonizzazione del territorio dai bordi verso il centro. Sorsero via via gli altri: Gallio, Foza, Roana, Lusiana, Asiago, e divennero ben presto Comuni, "protetti" dapprima dagli Ezzelini, poi dagli Scaligeri e dai Visconti e dal 1405 al 1797dalla Repubblica Veneta, dai quali ottennero speciali privilegi economici necessari alla sopravvivenza in una zona montana come questa.

In tale periodo l'unione fra i Sette Comuni si rafforzò sino al patto della Reggenza (1310) che permise l'autonomia politico-amministrativa ed una propria milizia. L'insegna ideale che lo sosteneva e guidava, sembra racchiusa nelle parole: Dise saint Siben, Alte Komeun, Prudere Liben: Questi sono i Sette Antichi Comuni, Fratelli Cari.

Nel 1405, la federazione dei Sette Comuni si alleò volontariamente alla Repubblica di Venezia, in una fedeltà che durò per 4 secoli. Venezia garantiva le esenzioni e i privilegi indispensabili alla Reggenza e le richiedeva la salvaguardia dei confini settentrionali, importanti strategicamente, impegno che costò ai Comuni in quel tempo saccheggi e devastazioni a più riprese (1487, 1508, 1805) con episodi di tenace e vittoriosa difesa.

Nel 1631 la peste, che desolava l'alta Italia, raggiunse anche Asiago, cagionando 1500 morti. Con la rivoluzione francese e Napoleone, Venezia decadde ed anche la Reggenza. Si passò poi sotto l'impero Austriaco (1815) e vennero cancellati di colpo i benefici fino ad allora goduti, sostituiti di contro da tasse ed imposte che portarono via via l'Altopiano ad un'economia di pura sussistenza. Da qui l'emigrazione verso le regioni più promettenti d'Europa e d'oltre-oceano. Nonostante le difficoltà, apparvero i segni del progresso moderno, con opere pubbliche, i primi alberghi e le banche, nuove vie di comunicazione interne e con la pianura. La Legione Cimbrica, forte di 800 soldati, sorta nel fatidico 1848 e che contribuì a contenere l'avanzata degli austriaci, conferma la partecipazione dell'Altopiano al Risorgimento. Parecchi volontari inoltre presero parte alla Il Guerra d'indipendenza e alla Spedizione dei Mille.

Nel 1866 ci fu l'annessione all'Italia. Ad un maggiore collegamento interno contribuì efficacemente la costruzione del ponte sulla Valdassa (1906) e, con la pianura, la realizzazione dell'ardita ferrovia a cremagliera (1909). L'emigrazione però continuava, anche se cominciavano nuove attività (estrattive, della distillazione, ecc.).

La I^ Guerra Mondiale, con l'Altopiano zona di confine, è stato l'evento più tragico e disastroso della sua storia, per la distruzione totale degli abitati, del patrimonio forestale e per l'esodo della popolazione. Il distacco e la dispersione dei nuclei familiari ha causato lo sradicamento dalla propria terra, un allontanamento affettivo e culturale dalle conseguenze quasi irreversibili. Al ritorno, la ricostruzione: paesi nuovi ma meno caratteristici. Dopo la ricostruzione, ancora disoccupazione ed ancora emigrazione in un alternarsi che proseguirà, purtroppo, anche nel secondo dopoguerra, perché le attività tradizionali erano sempre insufficienti a garantire una crescita rispondente alle nuove esigenze vitali. Verso gli anni 60 si è quasi di colpo intensificata l'attività turistica con la costruzione di ville ed appartamenti, di impianti sportivi e di tutto quanto comporta l'industria del tempo libero. Ciò ha prodotto una profonda trasformazione sia economica che sociale e culturale che costringe all'impegno di conciliare le attese di un giustificato benessere con la necessità di salvaguardare la bontà del territorio e l'identità culturale trasmessa dalle passate generazioni.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu